ATTO COSTITUTIVO
DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE MOVIMENTO
“CENTO E PIU’ ARTISTI UNITI PER IL MONDO”
L’anno 2009, il giorno 16 del mese Novembre, AGENZIA DELLE ENTRATE TIVOLI - ROMA.


mercoledì 24 febbraio 2016

IL MOVIMENTO "CENTO ARTISTI PER IL MONDO" CONTINUA A DENUNCIARE LO SCANDALO CULTURALE CHE SI STA "CONSUMANDO" DA ANNI A CERRETO LAZIALE MENTRE...

ONORE ALLA NOSTRA BANDIERA E PER I CULTORI DEL'ARTE



 LO SCANDALO CULTURALE A CERRETO LAZIALE CONTINUA MENTRE,
LE ISTITUZIONI PREPOSTE ALLA CULTURA DELLA REGIONE LAZIO "SONO DA ANNI DISTRATTE E TACCIONO"!
Il sottoscritto Orlando Serpietri 
Ispettore Onorario per i Beni Culturali della Regione Lazio, Fondatore e Direttore della Galleria Comunale d’Arte Moderna a Cerreto Laziale con Delibera Comunale anche per l’Istituendo Museo Civico abbinato al progetto: “Arte e Scuola, Arte a Scuola”, in stretta collaborazione dei Docenti del “Comprensivo” scolastico di Cerreto Laziale, il progetto ebbe inizio nel'anno 2003 fino a Settembre 2011 data della chiusura "traumatica" e definitiva della Galleria Comunale d'Arte Moderna.

Foto scattate (a suo tempo) nei bagni (cessi) del'Istituendo Museo Civico a prova inconfutabile di quanto piu' offensivo e scandaloso si poteva fare nei confronti degli Artisti donatori. 

OPERE DONATE DAGLI ARTISTI PER ESSERE ESPOSTE NEL MUSEO CIVICO DI
CERRETO LAZIALE MA,
  FINITE NEI CESSI DEL MUSEO
PER ORDINE DEL NEO DIRETTORE RODOLFO CUBETA

CENTINAI DI OPERE ACCATASTATE SENZA RIGUARDO
 NEI LAVABI DEI CESSI DEL MUSEO


PER NON DIMENTICARE E... 
PER RICORDARE ALLE ISTITUZIONI "DISTRATTE" I LORO DOVERI A TUTELA DEI CITTADINI E DELLA CULTURA!!!

La chiusura "traumatica" della Galleria Comunale d'Arte Moderna, la totale indifferenza degli Amministratori per impegni presi mai rispettati con gli Artisti, ne sono conseguite denunce Pubbliche purtroppo, contro i "mulini a vento" senza alcun risultato fino ad oggi.dal 30 settembre 2011, "latitanza" Comunale e Regionale, Opere donate (circa duecento) incustodite (allo sbando) di cui una di esse scomparsa e "ricomparsa" dopo mesi dalla denuncia per furto presentata al Comando dei Carabinieri di zona.Il signor Rodolfo Cubeta, Neo “Direttore” della Galleria Comunale (fantasma) chiusa nel 2011 e mai riaperta, decide arbitrariamente senza alcun titolo una sommaria selezione delle 200 Opere acquisite che dovevano essere esposte al pubblico di Diritto nel Istituendo Museo Civico, (accordo sottoscritto con gli Artisti donatori), più di centocinquanta opere vengono accatastate comprese le mie (quattro) donate finite nei cessi) dei locali adibiti a Museo....


CREDO SIANO SUFFICIENTI LE PROVE DIMOSTRATE (VERIFICABILI IN QUALSIASI MOMENTO VENGANO RICHIESTE) PER UNA CONDANNA DI RISARCIMENTO MORALE E MATERIALE CONTRO IL COMUNE A FAVORE DEGLI ARTISTI PER IL DISPREZZO SUBITO PUBBLICAMENTE COME PERSONE E PER LE OPERE DONATE, "BELLE O BRUTTE" CHE SIANO E' LA MOTIVAZIONE NOBILE DI CENTINAIA DI ARTISTI E OPERATORI CHE NON HA AVUTO PRECEDENTI: IDEARE UN PROGETTO "ARTE E SCUOLA, ARTE A SCUOLA" PER LA FONDAZIONE DI UN MUSEO D'ARTE NELLA PERIFERIA DELLA CAPITALE A 50 KM. DI DISTANZA, IN UN PAESE SPERDUTO TRA LE MONTAGNE CHE SI CHIAMA CERRETO LAZIALE. TANTO GENEROSO VOLONTARIATO VIENE RIPAGATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PERMETTENDO (O AUTORIZZATO) IL DIRETTORE RODOLFO CUBETA AD EFFETTUARE UNA MORTIFICAZIONE GRAVE ALLE PERSONE E GRAVE ALLE OPERE DONATE DAGLI ARTISTI E NON DI MENO ALLA CULTURA PATRIMONIO DEL'UMANITA'!


dal 30 settembre 2011 ad oggi, assoluta indifferenza del Comune.